Gennaio

Fiore di gennaio
l'acqua gela nell'acquaio
ci baciamo sotto il vischio
senza fretta, senza rischio.

Quatta la gatta
quatta la neve.
Fu breve la neve
fu ratta la gatta
fu lieve la neve
fu matta la gatta
fu greve la neve


fu grassa la gatta
fu massa la neve
fu gretta la gatta
fu seta la neve
fe' siesta la gatta
si sciolse la neve
si dolse la gatta.

La nebbia copre il paese
come una grigia distesa
impalpabile, sospesa:
è l'inverno, il cuore pesa.

 

Febbraio

A Gennaio nell'acquaio
pattina una pulce nera.
A Febbraio mi fa: scompaio.
E non si fa più vedere.

 

             Nel nevischio che n'invischia
             non mi arrischio a nessun rischio.
             Resto mesto come muschio,
             fischio, soffio, mugghio, ringhio,
             di mutare me ne infischio
             e di accidia ora mi cinghio.

 

                Nell'inverno che rattrista
                la formica ha le provviste.
                La cicala spendacciona
                si fa un tiro d'erba buona.

 

La cornacchia vien gracchiando
sopra i tetti infreddoliti
caccia i merli litigando
ed i passeri intirizziti.
Becca tutto quanto vede
ogni bacca, ogni mollica
la cornacchia non ha amici.

 

Marzo 

Che fai pioggerella di Marzo
che bagni la terra di leggera.
Che fai leggerezza di quarzo
che spandi una luce rara.
Che fai lucentezza di vetro
in questo cielo d'aria chiara.
Che fai chiarore diffuso
in questa dolcezza soffusa.
Che fai gioia dolce del giorno
in questa felicità tutto intorno
nuova, fresca e confusa?

 

                                 La serpe sotto il sole
                                 sopra un masso di granito
                                 si scalda nella seta
                                 sottile del suo nuovo vestito.

 

Il bombo ronzando si chiede:
"Sono un bombolone con le ali
peso almeno due quintali.
Eppure volo: come succede?"

 

       La vespa di campagna sugge nettari ai fiori.
       La Vespa di città fa le code ai sema-fori.

 

Aprile

Nell'azzurro mattino d'aprile
lo scricciolo ruba pagliuzze al fienile.
Nelle ore d'oro del crepuscolo
s'accoccola nel suo nido minuscolo.

 

La vispa Claretta
avea tra l'erbetta
una vespa sorpresa
che andava di fretta.
Per le ali la prese
per puro dispetto.
La punse l'insetto.
lei pianse a dirotto
lasciando la presa
di colpo, di botto.

 

Lontano dal mare pesce d'aprile, primaverile
scherzo infantile, pesce in barile,
vivi solo un giorno, pesce di carta sottile.

 

Il Venerdì Santo
nel parco di Arco
un porco molto parco
piluccava ghiande soltanto.

 

Maggio

           Nella luna nuova di maggio
           il tordo trepido cova le sue uova.
           Nelle ore più calde del pomeriggio
           il tordo trasforma il nido in un'alcova.

 

Pigri pomeriggi di maggio a Reggio:
ricordo ancora un assaggio di taleggio.

 

                                       Dentro il lago di Garda
                                       si annoia una sarda
                                       sbadiglia e ti guarda
                                       a pelo dell'acqua
                                       con espressione vacua.

 

         Saggio il rospo di maggio
         mi disse: "Fatti coraggio,
         siamo solo di passaggio
         in questo nostro viaggio."
         Risposi: " E' proprio vero,
         tutto è così effimero,
         la vita è una chimera
         e noi soltanto un numero!"

 

Giugno

Nei giardini e per strada
i colori sono esplosi,
un fuoco d'artificio che incanta:
è l'estate, il cuore canta.

 

        Meriggiare pallido e assorto
        scavando una buca nell'orto
        sotto l'ulivo aspro e contorto
        a Maramao: perché sei morto?

 

                Labile come un sogno di fanciulla
                la libellula svola, frulla,
                s'annulla nell'ombra della betulla,
                è un lampo d'iride, poi più nulla.

 

Gabbiani nella tempesta, voi restate
in volo senza sosta e non vi riposate
mai in questa lotta e io fo come fate.

 

         A Bologna in Piazza Grande
         un bassotto sta in mutande.
         Si presenta in canottiera
         se rinfresca, verso sera.

 

Vidi un'estate fa un anofele sul sofà.
Forse è volata via, forse è rimasta là.

 

Luglio

 

Sento nella notte il coro
delle rane dallo stagno
e il richiamo sonoro
come una polvere d'oro
dappertutto si spande.
Sul balcone ascolto, in mutande.

 

     Nella palude in un'ansa spenta
     una tinca stanca nuota lenta.

 

           Nel pomeriggio ardente
           non trovi in giro gente
           solo tre mosche bislacche
           seminano piccole cacche
           a caso, dove gli pare,
           senza nemmeno guardare.

 

                    A Lucca luccica la lucciola e mi fa:
                    solo per un po' timida luce ti dò.

 

Cala la marea, sopra la battigia
di calamari c'è un pigia-pigia.

 

Agosto 

D'Agosto l'aragosta non si gusta con la crosta
ma ti giuro che una goccia d'angostura non guasta.

 

     Nel sole pomeridiano
     sulla strada sgombra
     solo un gatto soriano
     che graffia la sua ombra.

 

                         Una seppia senza l'osso
                         non è solo un paradosso:
                         è un cos'è? un blob, un coso
                         è un mucchietto di fanghiglia
                         uno sputo di poltiglia
                         un inciampo appiccicoso
                         un budino disgustoso.
                         Mentre un osso senza seppia
                         è un poeta che passeggia
                         e verseggia sulla spiaggia
                         meriggiando assorto e smorto.

 

     Nell'estate di Provenza
     tra il fiorir della lavanda
     la cicala sotto il sol
     si lustra l'elitre col sidol.

 

Settembre

              Settembre, ora in val Brembana
              i lombrichi lasciano le malghe
              rabbrividendo svernano in campagna.

 

E l'estate era azzurra
e l'estate era verde
era tutto un sussurro
di parole tra le erbe.

 

Poi un tuono, poi un lampo
traversò da parte a parte.
E l'estate in un istante
era vuota, era distante.

 

               La rossa stella marina
               sta sulla sabbia stamattina.
               Un'onda improvvisa la spinge
               pian piano sulla battigia
               dove poco a poco si stinge.

 

Il vento che viene dall'Est
porta odore di fumo e di foreste
e tra i rami spogli forte respira:
è autunno, il cuore sospira.

 

Ottobre

 Ottobre. Si fanno corte le giornate.
 Fuori dalla scuola la trafila
 di mamme in doppia fila
 che aspettano su gipponi blindati
 parlando al cellulare di diete,
 pilates e divi gossipati.

 

Dove andate?

"Dove andate, grandi uccelli ad ali spiegate,
dove andate? Non ci abbandonate!"
"Verso paesi di cieli d'oro e di smeraldo
dove è sempre luce e calore, i frutti maturi
sugli alberi e le notti piene di tepore,
le siepi sono fiorite e musica e colori
e cascate e nuvole rosa verso sera."
"Ma poi tornate quando torna primavera,
non lasciate i nostri cieli vuoti, poi tornate!

 

Una gazza sul nespolo
un merlo sul trespolo.
È nera la gazza che ride
nel giallo dei frutti
è nero il merlo che piange
sconsolato i suoi lutti.

 

Novembre 

La nebbia a gl'irti colli
piovigginando sale.
Mi ritrovo, anche se non volli,
a capofitto in un canale.

 

         Dorme la serpe
         nel suo letto d'erbe.
         Dorme il ghiro
         senti il suo respiro
         Riposa la talpa
         avvolta in una felpa.
         Sonnecchia l'orso
         tra un sorso e un morso.
         Russa la tartaruga
         in fondo alla sua buca.
         Dormono le marmotte
         la loro lunga notte.
         Dorme lo scarafaggio
         si sveglierà a maggio.
         Le formiche nei letti a schiera
         sognano la primavera.
         Le api nell'alveare
         sognano di volare.
         Solo il passero sul tuo balcone
         saltella e aspetta una briciola di pane.

 

Dicembre

                          Santa Notte di Natale
                          un omone da un quintale
                          con la barba bianca bianca
                          bussa forte al mio portale.
                          Ha faccia un po' stravolta:
                          "Sai qual'è la via più corta
                          al Paese dei Balocchi?"
                          io lo guardo con due occhi...
                          Sopra i tetti, fra le antenne,
                          sta la slitta con le renne.

 

Nel cielo freddo e sereno
spiccano le sfere dorate
dei cachi. Sono palle colorate
di un albero di natale contorto
piantato a capriccio nell'orto.

 

         Giardini vuoti, aiuole senza fiori
         che tristezza mi fate spogli e incolori!
         Sulle siepi resta qualche bacca rossa,
         e un pettirosso impaurito
         che al primo sussurro è già fuggito.

 

                   Il nibbio nella nebbia
                   ebbe dubbi e crebbero
                   quando un gheppio ebbro
                   piombò dentro la Trebbia.

 

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato